Nessuna offerta trovata

Ci dispiace, ma al momento non siamo in grado di presentarvi un’offerta. Questa situazione può comunque cambiare rapidamente. Non esitate perciò a visitare prossimamente di nuovo la nostra pagina delle offerte. Potete anche sempre contattarci direttamente con la vostra richiesta personale.

Lokalen Aktionsgruppe Eisacktaler Dolomiten

Sentiero storico di Gudon

Il sentiero storico di Gudon si snoda attraverso un’area di alto valore paesaggistico, collegando tra loro i vari punti di interesse storico e culturale che sorgono attorno al paese. Si tratta di un percorso circolare lungo quasi due chilometri e facilmente percorribile anche da anziani e famiglie con bambini piccoli. Le nuove panchine di legno lungo il percorso consentono di riprendere fiato, inoltre nei pressi del paese sono stati realizzati anche spazi di gioco per i bambini e un’area barbecue con posti a sedere. All’ingresso del paese è stata installata anche una tradizionale staccionata in legno. All’interno del bosco, l’area chiamata Richtboden è stata designata come luogo per la dispersione delle ceneri dei defunti. I cartelli informativi disposti lungo il percorso tematico illustrano in modo semplice e comprensibile le particolarità storico-culturali della località.

Per la realizzazione del sentiero storico si è provveduto al rinnovo e ampliamento dei sentieri escursionistici già esistenti e in parte alla creazione di nuovi tratti, per una lunghezza totale di 1800 metri lineari, intorno a Gudon, frazione di Chiusa. Oltre a rappresentare un’attrazione naturalistica e culturale, il sentiero serve anche come area ricreativa per la popolazione locale. L’intervento dell’Ispettorato Forestale Bressanone ha accolto e implementato i suggerimenti offerti dagli stakeholder locali. La segnaletica è stata realizzata in una seconda fase, frutto della collaborazione tra un gruppo di lavoro locale e l’Associazione Turistica di Chiusa.

Ente promotore del progetto: Ispettorato Forestale Bressanone

Hier investiert Europa in die ländlichen Gebiete
ELER FEASR
Provinz Bozen
Leader
GRW

L’Europa investe nelle zone rurali