Nessuna offerta trovata

Ci dispiace, ma al momento non siamo in grado di presentarvi un’offerta. Questa situazione può comunque cambiare rapidamente. Non esitate perciò a visitare prossimamente di nuovo la nostra pagina delle offerte. Potete anche sempre contattarci direttamente con la vostra richiesta personale.

Lokalen Aktionsgruppe Eisacktaler Dolomiten

Concetti smart nelle zone rurali

Prima della pandemia di coronavirus, la digitalizzazione dei processi e il telelavoro erano ancora casi isolati, sia nel settore pubblico che in quello privato. Eppure le soluzioni smart offrono una serie di opportunità e vantaggi interessanti, soprattutto per le zone rurali. Come agire quindi, a livello locale, per rendere accessibile e sfruttabile dai vari settori questo grande potenziale? Quali sono i trend attuali e quali aree richiedono un intervento concreto? Il progetto “Concetti smart nelle zone rurali” mira a sviluppare una serie di best practice, strategie e soluzioni concrete in collaborazione con aziende, organizzazioni ed enti pubblici.
Nell’ambito del progetto gli interventi si suddividono in quattro diverse aree tematiche:
• Smart working (p.es. home office, co-working, qualificazioni ecc.)
• Smart regional economy (p.es. digitalizzazione della filiera locale, creazione di marketplace intelligenti ecc.)
• Smart mobility (p.es. mobilità elettrica, sistemi di sharing, mobilità sostenibile)
• Smart things (p.es. digitalizzazione e messa in rete dei servizi municipali, digitalizzazione della comunicazione e dei processi ecc.).

Il progetto è frutto della cooperazione tra i territori LEADER Val Pusteria, Valle Isarco e Alta Valle Isarco, con la partecipazione di entità locali provenienti da diversi settori. Il primo step consiste nella valutazione, da parte di un fornitore di servizi esterno, della situazione attuale e degli interventi necessari, con il coinvolgimento ad esempio dei comuni e delle associazioni turistiche nei territori LEADER. In seguito i risultati vengono presentati, corredati da esempi di best practice, nel corso delle riunioni di avvio tenute nei territori coinvolti. A questo punto i gruppi di lavoro tematici sviluppano idee e misure concrete per far fronte alle necessità riscontrate. I risultati vengono raccolti in un registro che cataloga le varie misure proposte, con raccomandazioni e check-list, facendo da base per l’implementazione di soluzioni concrete e interventi di follow-up.

Ente promotore del progetto: GRW Wipptal/Eisacktal (Cooperativa per lo Sviluppo Regionale e la Formazione) per il Gruppo d`Azione Locale Eisacktaler Dolomiten

Hier investiert Europa in die ländlichen Gebiete
ELER FEASR
Provinz Bozen
Leader
GRW

L’Europa investe nelle zone rurali